L’alzheimer negli anziani come affrontare le situazioni più comuni che si manifestano9 min di lettura

Indice contenuto
    Add a header to begin generating the table of contents

    Prendersi cura di qualcuno con la malattia di Alzheimer è un lavoro difficile, che può causare una grande quantità di stress alle persone che se ne prendono cura.

     

    Tuttavia, se ami qualcuno con questo problema, sai che la posizione può anche portare gioia nella tua vita ed essere estremamente gratificante se ti ricordi alcune cose semplici.

     

    Le difficoltà di comunicazione possono essere uno degli aspetti più sconvolgenti della cura di qualcuno con l’Alzheimer o un altro tipo di demenza, ed è frustrante per chi ha la malattia e per i propri cari.

    Bisogna familiarizzarla ed essere pronti ad alcune delle situazioni comuni che sorgono…

    alzheimer anziani

    Le cause

    Le cause del morbo di Alzheimer non sono completamente comprese, ma al suo interno ci sono problemi con le proteine del cervello che non funzionano normalmente, interrompono il lavoro delle cellule cerebrali (neuroni) e scatenano una serie di eventi tossici.

    I neuroni sono danneggiati, perdono connessioni l’uno con l’altro e alla fine muoiono.


    Il danno inizia più spesso nella regione del cervello che controlla la memoria, ma il processo inizia anni prima dell’avvertimento dei sintomi.

     

    La perdita di neuroni si diffonde in un modo alquanto prevedibile in altre regioni del cervello.

    Nella fase avanzata della malattia, il cervello si è ristretto in modo significativo.

    L’aumento dell’età è il più grande fattore di rischio.

    L’Alzheimer non fa parte del normale invecchiamento, ma con l’invecchiare aumenta la probabilità di svilupparlo.

     

    Uno studio, ad esempio, ha rilevato che ogni anno ci sono state due nuove diagnosi per 1.000 persone di età compresa tra 65 e 74 anni, 11 nuove diagnosi per 1.000 persone di età compresa tra 75 e 84 e 37 nuove diagnosi per 1.000 persone di 85 anni e oltre.

     

    Il rischio di sviluppare l’Alzheimer è un po’ più alto se un parente di primo grado - un genitore oppure un fratello - presenta la malattia.

    La maggior parte dei meccanismi genetici dell’Alzheimer tra le famiglie rimane in gran parte inspiegabile e i fattori genetici sono probabilmente complessi.

    Un fattore genetico meglio compreso è una forma del gene E dell’apolipoproteina (APOE). Una variazione del gene, APOE e4, aumenta il rischio di malattia di Alzheimer, ma non tutti con questa variazione del gene sviluppano la malattia.

    Quali sono i sintomi dell'Alzheimer

    anziani affetti da alzheimerAll’inizio una persona con l’ Alzheimer può essere consapevole di avere difficoltà a ricordare le cose e organizzare i pensieri.

    Un familiare o un amico può essere più propenso a notare come i sintomi peggiorano.


    L’Alzheimer causa difficoltà a concentrarsi e pensare, specialmente ai concetti astratti.

    Può essere difficile gestire le finanze, bilanciare i libretti degli assegni e pagare le bollette.

    Queste difficoltà possono progredire fino all’incapacità di riconoscere e gestire le spese.

    La capacità di prendere decisioni e giudizi ragionevoli nelle situazioni quotidiane diminuirà.

    Ad esempio:

    • una persona può fare scelte povere o inusuali nelle interazioni sociali o indossare abiti inadeguati con il tempo.
    • Potrebbe essere più difficile rispondere in modo efficace ai problemi quotidiani, come il cibo che brucia sul fornello o a situazioni di guida inaspettate.
    • Attività di routine che richiedono passaggi sequenziali, come pianificare e cucinare un pasto o giocare ad un gioco preferito, diventano una lotta, man mano che la malattia progredisce.

    Alla fine, le persone con Alzheimer avanzato possono dimenticare come eseguire i compiti di base, come farsi la doccia, vestirsi e andare bagno.

    Molte abilità importanti sono conservate per periodi più lunghi, anche mentre i sintomi peggiorano.

    Le abilità conservate possono includere: leggere libri, raccontare storie, cantare, ascoltare musica, ballare, disegnare o lavorare.

    Queste abilità possono essere preservate più a lungo perché sono controllate da parti del cervello colpite più avanti nel corso della malattia.

    Come comportarsi con gli anziani affetti da Alzheimer

    assisnteza malato alzheimerLa ricerca non è ancora conclusiva, alcune scelte di stile di vita, come l’attività fisica e la dieta, possono aiutare a sostenere la salute del cervello e prevenire l’Alzheimer.

    Molti di questi cambiamenti dello stile di vita hanno dimostrato di ridurre il rischio di altre malattie, come quelle cardiache e il diabete, che sono state collegate all’Alzheimer.

     

    Con pochi inconvenienti e molti benefici noti, le scelte di uno stile di vita sano possono migliorare la salute e possibilmente proteggere il cervello.

     


    Una persona con il morbo di Alzheimer può diventare sospettosa nei confronti di coloro che la circondano.

    Le delusioni (convinzioni ben radicate in cose che non sono reali) possono verificarsi nell’Alzheimer di stadio medio-avanzato.

    Una persona con il morbo di Alzheimer può credere che un membro della famiglia ad esempio stia rubando i suoi beni. Sebbene non sia radicato nella realtà, la situazione è molto reale per la persona con demenza.

     

    Tieni presente che una persona con demenza sta cercando di dare un senso al suo mondo con una funzione cognitiva in declino.

     


    Una delusione non è la stessa cosa di un’allucinazione.

    Mentre le delusioni implicano false credenze, le allucinazioni sono false percezioni di oggetti o eventi di natura sensoriale.

    Quando le persone con il morbo di Alzheimer hanno un’allucinazione, vedono, ascoltano o sentono qualcosa che in realtà non c’è.

    Se una persona con l'Alzheimer ha allucinazioni o delusioni inquietanti, cerca un aiuto medico. Una malattia o un farmaco possono causare questi comportamenti. I farmaci sono disponibili per trattare questi comportamenti, ma devono essere usati con cautela e sotto stretto controllo medico.

     

    • Cerca di non litigare con la persona su ciò che lui o lei vede o sente.
    • Confortala se ha paura e distraila, magari introducendo vari argomenti, a volte è utile uscire per una passeggiata.
    • Spegni il televisore quando sono attivi programmi violenti o sconvolgenti; i pazienti affetti da Alzheimer possono pensare che questi eventi stiano accadendo nella stanza.
    • Assicurati che la persona sia al sicuro e non possa raggiungere nulla che possa essere usato per ferire qualcuno o se stesso.

     

    Se una persona affetta dal morbo di Alzheimer sta avendo gravi delusioni c’è la paura di autolesionismo o se l’allucinazione è estremamente preoccupante per la persona, è importante avere una valutazione medica per determinare se è necessario un farmaco.

    La prima linea di trattamento per i sintomi comportamentali dell’Alzheimer è un approccio non farmacologico, ma se queste strategie falliscono e i sintomi sono gravi, i farmaci possono essere appropriati. Collabora con il medico per apprendere sia i rischi che i benefici dei farmaci prima di prendere una decisione.


    Come rispondere e interagire

    famiglia malato alzheimerNon offenderti, ma ascolta ciò che disturba la persona cara e cerca di capire la sua realtà, allora sii rassicurante con la persona che ti interessa.


    Non discutere o cercare di convincerla ma permettigli di esprimere idee, riconoscere le sue opinioni e offrire una risposta semplice.

    Condividi i tuoi pensieri con l’individuo, ma mantienili semplici, non travolgere la persona con lunghe spiegazioni o ragioni.


    Coinvolgilo in un’attività.
    A causa dei complessi cambiamenti che avvengono nel cervello, le persone con questa malattia possono vedere o sentire cose che non hanno fondamento nella realtà.

    Le delusioni sono false credenze che la persona pensa siano reali.

    Ad esempio, la persona potrebbe pensare che il proprio coniuge sia innamorato di qualcun altro.
    La paranoia è un tipo di delusione in cui una persona può credere - senza una buona ragione - che gli altri siano meschini, bugiardi e ingiusti.

    Lui o lei possono diventare sospettosi, paurosi o gelosi delle persone.

    Affrontare l’agitazione.
    L’agitazione può essere innescata da una varietà di cose, inclusi fattori ambientali, paura e affaticamento.

    Molto spesso, l’agitazione si innesca quando la persona prova il “controllo” che gli viene sottratto.

    Ecco alcuni modi per ridurre al minimo l’agitazione:

    • limitare la caffeina, lo zucchero e il cibo spazzatura;
    • ridurre il rumore, l’ingombro o il numero di persone nella stanza;
    • mantieni oggetti domestici e mobili negli stessi luoghi;
    • oggetti e fotografie familiari offrono un senso di sicurezza e possono suggerire ricordi piacevoli;
    • parla con una voce rassicurante e non cercare di trattenere la persona durante un periodo di agitazione;
      è fondamentale tenere gli oggetti pericolosi fuori dalla portata di mano;
      permetti alla persona di fare il più possibile per sé stesso;
    • sostieni la sua indipendenza e la capacità di prendersi cura di sé;
    • riconosci la rabbia della persona confusa per la perdita di controllo nella sua vita, dicendogli che capisci la sua frustrazione;
    • distrai la persona con uno spuntino o un’attività;
    • consenti alla persona di dimenticare un incidente preoccupante o tutto ciò che la turba;
    • ricorda che confrontarsi con una persona confusa può aumentare l’ansia;
    • pianifica il tempo giornaliero per l’esercizio fisico, è importante concentrarsi sulla salute della mente, ma anche sul corpo durante questo periodo. L’esercizio fisico può essere d’aiuto, specialmente se pianifichi un momento ogni giorno, anche un semplice passeggiata...
    • Affidati ad altri familiari quando è necessario. Dopo tutto quello che hai fatto per supportare la persona amata con il morbo di Alzheimer, hai anche bisogno di supporto per te stesso. Rivolgiti ai familiari e agli altri cari quando ne hai bisogno.

    Come gestire i problemi di memoria

    Poiché diventa sempre più difficile ricordare le cose, puoi usare alcune strategie per aiutare la memoria.

    Consegna alla persona affetta dal morbo un notebook o uno smartphone per tenere traccia di informazioni importanti: numeri di telefono, appuntamenti, il suo indirizzo e le indicazioni stradali per la sua casa.

     

    • Metti note adesive in giro per casa con dei ricordi: etichetta armadi e cassetti con parole o immagini che descrivono il loro contenuto.

     

    • Incolla le foto delle persone care o che vedi spesso ed etichettale con i loro nomi.

     

    • Evita i rumori fastidiosi in cui portare la persona malata e trova un posto tranquillo in cui poter parlare.

     

    • Oltretutto, evita luoghi affollati che creano confusione e possono causare disorientamento (ad esempio un centro commerciale, negozi di alimentari o altri luoghi affollati).

     

    • Installa dei fermi sulle porte che portano in esterno e prendi in considerazione l’installazione di bulloni di scorrimento nella parte superiore o inferiore.

     

    • Utilizza dispositivi che segnalano quando una porta o una finestra è aperta. Installa un allarme domestico elettronico.

     

    • Non lasciare qualcuno con demenza senza supervisione in ambienti nuovi.

     

    • Non lasciare mai una persona a casa o in una macchina da sola.

     

    • Tieni le chiavi della macchina fuori dalla vista, in quanto la persona può dimenticare che non può più guidare.

     

    • Se la persona è ancora in grado di guidare, prendi in considerazione l’uso di un dispositivo GPS per fare in modo che non si perda.

     

    • Chiedi ai vicini, agli amici e alla famiglia di chiamare se vedono la persona da sola.

     

    • Tieni una foto recente del viso e le informazioni mediche aggiornate a portata di mano.

     

    • Individua aree pericolose vicino alla casa, come specchi d’acqua, trombe delle scale aperte, fitta vegetazione, gallerie, fermate degli autobus e strade con traffico intenso.

     

    • Mantieni un elenco di luoghi in cui la persona potrebbe vagare. Questo potrebbe includere: lavori passati, ex abitazioni, luoghi di culto o un ristorante.

     

     

    interagire con malato alzheimer

     

    Ricorda che la diagnosi di Alzheimer non è una condanna a morte e approfitta del tempo che ti è rimasto con la persona amata, perché la persona amata può ricordare le emozioni anche dopo aver dimenticato l’evento reale che ha causato quelle emozioni.

    Le tue parole e le azioni contano.


    Quando a qualcuno viene diagnosticata la demenza, può essere devastante per lei e anche per i suoi cari.


    Fai un respiro profondo!

    Il caregiving è una grande responsabilità, ma stai facendo un ottimo lavoro.

    Prenditi cura di te, quando i caregiver non si prendono cura di se stessi, possono andare in depressione.

    Assicurati di prenderti qualche minuto ogni giorno e di unirti ad un gruppo di supporto, locale oppure online.


    La malattia è responsabile dell’umore e dei cambiamenti di personalità.

    Può essere così difficile vedere cambiare una persona cara davanti ai tuoi occhi.

    Ricorda che non stanno cambiando, ma la malattia sta progredendo.


    Comprendi i tuoi limiti emotivi e fisici e usa ogni metodo di comunicazione per raggiungere la persona amata attraverso la malattia: arte, musica e lettura sono tutti modi di connettersi quando l’espressione verbale non è più un’opzione.

    Anche un semplice tocco sul suo braccio può aiutare a comunicare che è amata.

    Una selezione di prodotti utili consigliati da Vita Quality

    Condividi pagina