Indice contenuto
    Add a header to begin generating the table of contents

    L’Istat (Istituto nazionale di statistica) ha da poco pubblicato i dati riguardanti la popolazione in Italia, confermando il trend degli ultimi anni: l’aspettativa di vita nel Belpaese continua a crescere.

    Nel 2018, come sottolineano i dati Istat, si è registrato un nuovo aumento della speranza di vita: per gli uomini la stima si attesta agli 80.8 anni, mentre per le donne è di 85.2 anni.

     

    Come si può ben capire, la crescita dell’aspettativa determina un conseguente aumento della popolazione che ha superato i 65 anni, nel 2018 si attesta intorno ai 13 milioni di italiani.

    Con l’allungamento della vita media, si rende indispensabile un cambiamento dello stile di vita fin da giovani per essere sicuri di poter invecchiare in salute.

    In questo articolo ti forniamo alcuni consigli per affrontare con più serenità questo particolare momento della vita.

    invecchiare bene

    I problemi legati all’allungamento della vita

    Pensare di poter vivere più a lungo rappresenta un desiderio inespresso per molti uomini e donne, ma anche se questo sogno è diventato realtà, l’allungamento della vita può determinare diversi problemi, sia a livello individuale, che sociale.

     

    Come si può ben comprendere, può portare anche un progressivo dilatarsi degli anni di malattia e sofferenza, se non si adotta uno stile di vita sano ed equilibrato fin da giovani.

     

    L’aumento dell’aspettativa di vita ha determinato un innalzamento anche dell’età pensionabile, quindi l’anziano con il passare degli anni può essere costretto a lavorare di più ed essere relegato per decenni a non avere nessun ruolo attivo nella società.

     

    Una delle problematiche che potrebbero insorgere nell’anziano che si trova ad affrontare diversi decenni di inattività è non avere la possibilità, in termini economici, di poter accedere ai servizi pubblici principali come ospedale e case di cura, se la società non si prepara a questo cambiamento epocale.

     

    Leggi anche questo articolo: il benessere sul posto di lavoro

    La prevenzione per invecchiare in salute

    L’allungamento dell’aspettativa di vita è ormai un dato conclamato, di conseguenza è opportuno per gli individui e la società, prepararsi ad affrontare questo cambiamento e viverlo con serenità e naturalezza.

    Se la vita si allunga di più, sarà quindi fondamentale evitare di ritrovarsi con stati di salute precari e con un fisico provato da uno stile di vita sregolato, ma bisognerà correre ai ripari in tempi non sospetti.

     

    Per poter invecchiare in salute, non basterà curarsi solo in età avanzata al sopraggiungere delle prime patologie legate all’anzianità, ma preservare il fisico anche quando si è giovani e in ottima salute.

     

    Per poter arrivare sani e forti ad un’età più matura è sempre opportuno controllare il proprio fisico periodicamente, sottoponendosi a visite di controllo e specialistiche, eseguendo a intervalli regolari analisi del sangue e delle urine e consultando il medico in caso di insorgenza di problemi o sintomi.

     

    Quando si è giovani nel pieno delle forze, la vecchiaia è una data lontanissima, quindi è difficile pensare al futuro e regolarsi di conseguenza, bisogna educare i giovani a scuola e a casa ad aver cura del proprio corpo.

     

    La prevenzione è importantissima per poter curare in tempo alcune malattie che potrebbero aggravarsi con l’avanzare dell’età, come quelle legate all’apparato respiratorio o muscolare.

     

    Se soffri di scoliosi o mal di schiena, è sempre opportuno sottoporti a delle sedute di fisioterapia o adottare delle posture corrette già in giovane età, altrimenti tali sintomi potrebbero aggravarsi con il progressivo invecchiamento e determinare una diminuzione della mobilità e della capacità di essere autonomi.

     

    Con l’invecchiamento è normale che insorgano alcune patologie (diabete, malattie cardiovascolari, osteoporosi, ecc.), ma se per alcune non è possibile ricorrere ai ripari prima del tempo, per altre si può sempre operare e cercare di tenerle sotto controllo limitandone l’avanzamento.

    I consigli per invecchiare bene

    Per poter invecchiare in salute ed essere pronti ad affrontare questo particolare periodo della vita, vi elenchiamo una lista di suggerimenti utili:

    • praticare sport;
    • allenare e stimolare la mente;
    • condurre uno stile di vita sano;
    • non fumare;
    • non consumare quantità eccessive di alcool;
    • evitare cibi zuccherati o grassi saturi;
    • seguire un regime alimentare corretto ed equilibrato;
    • dormire bene;
    • proteggersi dal sole.


    La lista non deve intendersi completa ed esaustiva, ma è sicuramente un buon inizio per preservare la salute del tuo fisico.

    Vediamo ora, in modo dettagliato, come seguire i consigli forniti dagli esperti.

    Praticare sport
    Praticare un’attività fisica fin da bambini e anche durante l’età adulta comporta sicuramente dei benefici, sia a livello mentale che fisico, quindi perché non estendere tali vantaggi anche a chi è più in là con gli anni?

     

    Per gli anziani è importante praticare sport, visto che con il passare degli anni, la massa muscolare tende a ridursi e l’ossatura diventa più fragile.

    Se non hai la forza o la volontà di praticare dello sport, puoi sempre decidere di allenare il tuo fisico dedicandoti ad un’attività riposante e tranquilla: la camminata.

     

    Passeggiare ogni giorno a passo moderato riduce notevolmente la possibilità di contrarre patologie cardiovascolari, migliora la pressione sanguigna e la respirazione e contribuisce a tenere sempre attivi i muscoli e l’apparato scheletrico, riducendo così l’insorgenza di mal di schiena, cervicali, lordosi, ecc.

    Per ottenere dei benefici nel breve-medio termine è sempre opportuno camminare almeno due-tre volte a settimana per circa 20-30 minuti e a passo abbastanza sostenuto.

     


    Allenare e stimolare la mente
    Per mantenersi in salute con il progressivo invecchiamento è sempre opportuno tenere allenata la mente, soprattutto per quanto riguarda la memoria e la velocità di elaborazione.

    Per mantenere allenata la mente è consigliato dedicarsi alla lettura, continuare a coltivare i propri hobbies, informarsi e, se possibile, cimentarsi anche con giochi di abilità o di enigmistica.

    Come sempre, non è necessario seguire corsi impegnativi o diventare dei letterati, ma continuare ad essere curiosi e non perdere interesse per le cose che si amano.

    Per altre malattie degenerative come l’Alzheimer il problema è ben più grave.

     


    Condurre uno stile di vita sano
    Per invecchiare in salute è opportuno, fin da giovani, condurre uno stile di vita sano ed equilibrato, quindi devono essere assolutamente messe al bando alcune cattive abitudini come il fumo e l’eccessivo uso di alcool o bevande zuccherate.

     

    l fumo e l’alcool possono contribuire all’insorgenza di numerose malattie, inoltre contribuiscono ad accelerare l’invecchiamento, quindi è sempre consigliabile eliminarli o almeno ridurne l’utilizzo.

     

    Il fumo è una delle principali cause di alcune gravissime patologie e se tale abitudine viene reiterata nel tempo, sarà molto più probabile avere problemi in età avanzata come difficoltà respiratorie, tumori, cardiopatie, ecc.

    Il fumo di sigaretta è inoltre uno dei responsabili dell’invecchiamento cutaneo, provocando un aumento delle rughe e l’ingiallimento dei denti, tipici effetti dell’abuso di nicotina.

     


    Regime alimentare equilibrato
    Quando l’organismo inizia ad invecchiare, uno degli alleati per mantenersi in salute e tenere sotto controllo le malattie è l’alimentazione, da concordare con un nutrizionista (attenzione a non improvvisare diete fa da te).

    Il regime alimentare in età avanzata deve essere bilanciato ed equilibrato.

    Per gli anziani è sempre consigliabile evitare l’assunzione di dosi eccessive di glucosio, l’organismo con il passare degli anni tende ad avere difficoltà nel metabolizzare questa sostanza e possono aumentare i casi di diabete e di altre patologie cardiovascolari.

    I nutrizionisti consigliano di seguire una dieta mediterranea, ricca e variegata, in grado di garantire il giusto apporto di sostanze nutritive comprese vitamine, sali minerali, fibre, ecc.

    Non è mai opportuno abbuffarsi o mangiare troppo poco, anzi per gli anziani è consigliabile cercare di consumare diversi pasti al giorno: colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena, senza esagerare con le porzioni.

    Una dieta priva di grassi saturi e zuccheri può aiutarti ad invecchiare in salute e a ridurre il rischio di patologie legate all’alimentazione.

     


    Dormire bene
    Sembra un consiglio superfluo, ma per invecchiare in salute bisogna dormire bene, seguendo alcune regole precise.

    Con l’invecchiamento, le ore di sonno tendono a ridursi, quindi non è insolito svegliarsi all’alba o addormentarsi subito dopo cena, ma è importante dormire bene anche in questi intervalli di tempo.

    Per dormire bene, evita di accendere tv o di distrarti, ma cerca di creare un’atmosfera rilassante e confortevole che favorisca il riposo, eliminando anche ogni fonte di luce.

    Per gli anziani è salutare fare un riposino dopo pranzo per riposare la mente e il corpo, ma attenzione a non esagerare, si rischia di insonnia durante la notte. Per favorire il sonno è importante evitare cene troppo abbondanti e limitare l’uso di caffè o altre bevande eccitanti durante il giorno.

     


    Proteggersi dal sole
    Per evitare di contrarre patologie legate alla pelle o di accelerare il processo di invecchiamento della cute, fin dalla tenera età è sempre importante proteggersi dal sole ed evitare l’esposizione diretta durante le ore più calde.

    Durante l’estate è sempre opportuno indossare indumenti leggeri e traspiranti, coprendo la testa con un cappello e difendendo le zone esposte al sole con una crema con protezione alta, specifica per le pelli sensibili.

    Cosa succede quando la società invecchia?

    Con l’allungarsi della vita media, è necessario gestire un numero sempre più crescente di anziani, che non sono più attivi e che necessitano di maggiore assistenza.

     

    In Italia, l’aumento degli anziani non corrisponde ad una progressiva crescita delle nascite, quindi veniamo considerati come un paese vecchio e senza ricambio generazionale.

     

    Una popolazione, con una buona percentuale di anziani, determina un aumento delle spese per le pensioni e la mancanza di garanzie per le prossime generazioni, così come la crescita in maniera esponenziale delle spese per il welfare.


    Per affrontare con serenità l’aumento dell’età media della popolazione italiana sarà necessario adoperarsi per garantire coperture pensionistiche e assistenza sanitaria completa per le prossime generazioni.

    Sarà altresì necessario aumentare il numero delle case di riposo, investire nella ricerca e nello sviluppo, per affrontare l’aumento delle patologie legate all’anzianità e formare nuovi professionisti in grado di fornire assistenza continua e qualificata.

    Condividi pagina